Embajada en Italia

Il governo argentino ha chiuso l'accordo con lo staff del Fondo Monetario Internazionale e il disegno di legge sarà inviato al Congresso della Nazione

Fecha de Publicación : 07/03/2022

Si tratta del disegno di legge per l'approvazione dell' "Accordo per il Rifinanziamento del Debito tra la Repubblica Argentina e il Fondo Monetario Internazionale", i cui allegati includono le intese e i testi tecnici raggiunti per sostituire il fallito programma Stand By, concordato nel 2018, con un nuovo programma di Agevolazioni Estese. 

 

Il Governo Nazionale invierà questo giovedì al Congresso nazionale l'accordo raggiunto con lo staff del Fondo Monetario Internazionale per rifinanziare il debito record di circa 45.000 milioni di dollari che ha contratto la precedente amministrazione (Juntos por el Cambio). In questo modo viene presentato al Potere Legislativo un progetto che include negli allegati tutti i documenti che formano parte dell'accordo, ovvero il Memorandum di Politiche Economiche e Finanziarie e il Memorandum d'Intesa Tecnica.

Dopo intense trattative, il Governo nazionale è riuscito a chiudere un accordo con il FMI che consentirà al paese di rifinanziare gli impegni assunti nel fallito programma Stand By del 2018, che aveva delle scadenze concentrate principalmente negli anni 2022 e 2023.

Il nuovo programma mira a continuare a generare condizioni di stabilità, necessarie per affrontare le sfide strutturali esistenti e rafforzare le basi per una crescita sostenibile e inclusiva.

L'accordo raggiunto si basa sul denominato Servizio Allargato del FMI (Accordo di Agevolazioni Estese; EFF, l’ acronimo in inglese) che prevede 10 revisioni che saranno effettuate su base trimestrale per due anni e mezzo. Il primo esborso sarà effettuato in seguito all'approvazione del programma da parte del Board del FMI. Il resto degli esborsi sarà effettuato al termine di ogni revisione. Il periodo di rimborso di ciascuna erogazione è di 10 anni, con un periodo di grazia di 4 anni e mezzo, il che implica l'inizio del pagamento del debito a partire dal 2026 e fino al 2034.

Durante i mesi dei negoziati sono state raggiunte intese con lo staff del FMI sull'importanza di concordare un programma conforme ai bisogni e alle sfide dell'Argentina e che non implichi un'inibizione per la ripresa economica.

In questo senso, si è concordi sul fatto che l'inflazione sia un fenomeno multi causale - essendo una delle principali sfide della politica macroeconomica - che deve essere affrontato partendo da un approccio globale. La condizione necessaria per consolidare la disinflazione è quella di mantenere un processo di accumulo delle riserve che concederà allo Stato una maggiore autonomia nell'attuazione delle politiche pubbliche. Il programma rafforza l'impegno di stabilità dei cambi, escludendo movimenti bruschi e stabilendo che l'amministrazione dei cambi cercherà di garantire la compatibilità a medio termine del tipo di cambio reale con l'obiettivo dell'accumulo delle riserve. Allo stesso tempo, si andrà avanti sulla strada di un consolidamento fiscale progressivo che riduca il deficit fiscale, nel quadro della ripresa dell'attività economica e di una graduale riduzione del  finanziamento monetario dello stesso, nonché nel quadro di attuazione della politica monetaria che si traduca in tassi di interesse reali positivi per rafforzare la domanda di denaro in pesos. Questo processo sarà affiancato anche da politiche dei prezzi e dei redditi che contribuiranno ad ancorare le aspettative a favore di una graduale disinflazione insieme al proseguimento della ripresa del reddito reale.

Si prevede, inoltre, una progressiva riduzione del deficit fiscale, coerente con una moderata crescita della spesa in termini reali con l'obiettivo di sostenere la ripresa economica in atto, mentre si rafforzano il credito e la moneta nazionale. “Abbiamo sviluppato una strategia pluriennale di consolidamento fiscale con l'obiettivo di raggiungere un deficit primario del 2,5% del PIL nel 2022, scendendo all'1,9% del PIL nel 2023 e allo 0,9% del PIL entro il 2024”, si afferma in uno dei Memorandum.

Questo percorso rende possibile un pacchetto equilibrato di misure relative alle spese e alle entrate per sostenere una politica espansiva che consenta maggiori investimenti in infrastrutture, scienza e tecnologia, che promuova la creazione di posti di lavoro, che continui ad incoraggiare l'attività economica e rafforzi l'assistenza sociale focalizzata "ad affrontare la povertà infantile e reindirizzando il sostegno per promuovere l'inclusione nel mercato del lavoro, in particolare delle donne e delle persone con minori qualifiche lavorative”.

In relazione alle pensioni, l'accordo con il FMI non prevede alcuna riforma previdenziale, anzi, si prevede di continuare con il miglioramento del patrimonio attraverso l'applicazione della formula di mobilità pensionistica prevista dalla Legge 27.609. Questa formula consente di aumentare le prestazioni in base agli aumenti della riscossione nazionale e dei salari dell'economia.

Data la grande incertezza sui mercati energetici mondiali e l'impatto dell'andamento globale dei prezzi dell'energia, il Governo è impegnato a perseguire i nostri obiettivi economici e fiscali più ampi. Nell'ambito dei propri obiettivi di strategia energetica, è determinato a raggiungere livelli tariffari ragionevoli, applicabili con criteri di giustizia ed equità distributiva per i servizi pubblici di gas ed energia elettrica, secondo i parametri oggettivi di volta in volta corrispondenti. Queste revisioni riguarderanno sia gli utenti residenziali che quelli non residenziali.

Per gli utenti residenziali sarà considerato come criterio oggettivo il coefficiente di variazione salariale (precedentemente denominato CVS), così come stabilito dalla Legge n. 27.443, vanificata dal veto totale imposto dalla precedente amministrazione. Con questo parametro il Potere Esecutivo nazionale promuoverà, dopo un'udienza pubblica convocata per fine aprile 2022, le misure che traccino un percorso per il biennio 2022-2023, fondamentalmente attraverso una nuova proposta tariffaria con uno schema di segmentazione dei sussidi che concentri gli sforzi dello Stato Nazionale su quegli utenti vulnerabili e con minore capacità di pagamento.

La segmentazione per il biennio 2022-2023 prevede tre livelli, in base ai parametri determinati dal Potere Esecutivo Nazionale nell'ambito delle proprie competenze, a seconda di quale servizio pubblico si tratti: a) utenti che non saranno più beneficiari del sussidio per i consumi energetici in quanto dotati di piena capacità di pagamento; b) gli utenti beneficiari della tariffa sociale, per i quali l'aumento totale della bolletta per ogni anno solare sarà pari al 40% del CVS dell'anno precedente, c) per il resto degli utenti l'aumento totale sulla fattura per ogni anno solare sarà pari all'80% del CVS relativo all'anno precedente. Durante gli anni 2022 e 2023 non possono essere previsti incrementi ulteriori agli aumenti previsti per le categorie di segmentazione dell'utenza b) e c). Per l'anno 2022 saranno computate le maggiorazioni applicate durante tutto l'anno solare.

La proposta per gli utenti non residenziali prevede il pagamento della tariffa piena per l'utenza del grande distributore (Gudi), e per il resto si procederà con una revisione tariffaria secondo la proposta definita nell’udienza pubblica.

Sarà sviluppato un piano energetico a medio termine che comprenderà azioni tese a: (i) incoraggiare gli investimenti privati ​​e pubblici per aumentare la produzione e la trasmissione di energia, compresa la costruzione di gasdotti e l'espansione della capacità di produzione di GNL e di energia rinnovabile; (ii) ridurre le perdite nel settore della distribuzione attraverso il miglioramento dei contatori, della fatturazione e della riscossione; (iii) migliorare l'efficienza del consumo energetico e la conservazione delle risorse; (iv) rafforzare l'obiettivo e la progressività dei sussidi energetici; e (v) garantire che, nel tempo, le tariffe energetiche per i consumatori finali residenziali e non residenziali rispecchino meglio e in modo più prevedibile i costi all'ingrosso di gas ed elettricità.

Si sottolinea anche l'importanza di promuovere politiche di crescita e resilienza per affrontare il collo di bottiglia a lungo termine e gettare le basi per una crescita più sostenibile e inclusiva.

Queste politiche cercheranno di potenziare la crescita e la diversificazione delle esportazioni; l’investimento e la produttività; lo sviluppo economico locale e regionale; l’occupazione formale e l’inclusione lavorativa che sia orientata da una prospettiva di genere; avanzare nei miglioramenti nell'efficienza e nella sostenibilità del settore energetico; le politiche di mitigazione e di adattamento ambientale e il più ampio sviluppo dei mercati dei capitali.

Il progetto sarà operativo nel Congresso della Nazione ai sensi della Legge 27.612 relativo al Rafforzamento della Sostenibilità del Debito Pubblico -promossa dal Governo Nazionale- la quale stabilisce che, tra l'altro, qualsiasi programma realizzato con il FMI richiederà una Legge del Congresso della Nazione che lo approvi espressamente.

 

 

agencia argentina de inversiones y comercio internacional

Fondo argentino de cooperación sur-sur y triangular